“La morte meditata” Canto quinto poesia

Hai chiuso gli occhi

Nasce una notte
piena di finte buche,
di suoni morti
come di sugheri
Di reti calate nell’acqua

Le tue mani si fanno come un soffio
d’inviolabili lontananze,
inafferrabili come le idee,

E l’equivoco della luna
e il dondolio, dolcissimi,
Se vuoi posarmele sugli occhi,
toccano l’anima.

Sei la donna che passa
Come una foglia

E lasci agli alberi un fuoco d’autunno

(Giuseppe Ungaretti)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...