“Depressione” di David Foster Wallace

Quando la chiamano così mi incazzo sempre perché per la gente depressione vuol dire diventare tristissimo, diventare silenzioso e malinconico e non fare altro che star seduto alla finestra in silenzio a sospirare e a non fare nulla. Uno stato in cui non ti importa di nulla. Come essere in pace ma molto tristi. […] Beh, questo non è uno stato. Questa è una sensazione. La sento dappertutto. Nelle braccia e nelle gambe […] Dappertutto. Nella testa, nella gola, nel sedere. Nello stomaco. E’ ovunque. Non so come potrei chiamarla. E’ come se non potessi distanziarmene abbastanza da darle un nome. E’ più orrore che tristezza. Più orrore. E’ come se stesse per succedere qualcosa di orribile, la cosa più orribile che si può immaginare – no, peggio di quel che si può immaginare, perché hai la sensazione che c’è qualcosa che devi fare subito per fermarla ma non sai cos’è che devi fare, e poi sta già succedendo, sta per succedere e sta anche succedendo, tutto allo stesso tempo.”

(Tratto da  “Infinite Jest”)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...