Cono d’ombra

Voi siete questa nuvola quando crescete
Quando passa il tempo
Quel riparo che fugge
E insegue
Un percorso fatto a stella
A mille punte
Per trovare la vostra strada

Scrivere deve essere una neve
Una necessità
Come quando hai in mano
Due oggetti che vorresti incastrare
Tu e la realtà
Ma per qualche perverso meccanismo non s’ incastrano
E allora scrivi

Mio padre diceva che il buon ristorante si vede dal pane
Io dico che il pane si vede dalle lacrime
Un amico distingueva il silenzio nel coro
Mia madre appendeva i ricordi alle nuvole
Il mio gatto osserva i colori
Mio nonno aggiustava i dolori
L’amore parlava divino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...